Aiuti ai Comuni terremotati, ecco il decreto

25 giugno 2012


Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che disciplina gli interventi in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici dell’Emilia: ricostruzione, assistenza e ripresa gli indirizzi da seguire per i comuni che rimarranno in stato di emergenza fino al 31/05/2013.

Il fondo per la ricostruzione verrà finanziato dall’aumento delle accise sulla benzina fino a fine 2012, ma anche con le risorse provenienti dall’UE, con riduzioni di spesa per un miliardo di euro l’anno per il 2013 e il 2014, e infine con le somme derivanti dalla riduzione dei contributi pubblici ai partiti.

Gli aspetti maggiormente toccati dal decreto saranno la regolamentazione di eventuali processi di delocalizzazione di attività produttive, la ricostruzione degli immobili (privati e commerciali, ma anche pubblici) con criteri più stringenti, la deroga dal patto di stabilità e la sospensione dei processi civili e penali (con alcune limitazioni) fino al 31 luglio 2012.

Da segnalare anche la sospensione fino al 30 settembre 2012 dei termini amministrativi e contributivi, delle rate dei mutui e dei canoni di concessione per immobili pubblici non agibili. Le multe per invio tardivo di informazioni, anche in materia di lavoro, sono da considerarsi sospese. Gli immobili privati non agibili o distrutti, inoltre, non saranno tassabili.

Rilevanti anche gli interventi a favore della ripresa e di sostegno al reddito dei lavoratori che operavano nelle aziende che hanno sospeso l’attività.
Non resta che sperare che questi interventi siano tempestivi e concreti.

L’immagine che abbiamo scelto per questa news è di Alex Fioratti, che ci pare sintetizzi al meglio il coraggio e la voglia di ricominciare della nostra terra.